Deutsch English Francaise Dutch

La Maremma

maremma

Da sempre l'Agriturismo in Maremma rappresenta una tipica tradizione legata a questa terra ricca di storia, natura e cultura.

Tre uomini in un recinto catturano una giovane vacca e la marchiano a fuoco: questo spettacolo che sembra arrivare da oltreoceano e forse di altri tempi e la 'merca' effettuata dai butteri, che ha luogo il primo maggio ad Alberese, e che richiama un folto pubblico...Anche in questa occasione, i butteri indossano i loro abiti di cuoio e fustagno, quelli con cui ogni giorno, sotto le direttive di un massaro, cavalcando a mazzetta, seguono e sorvegliano cavalli e vacche semibradi nel territorio che circonda Alberese. Molte antiche fattorie sono oggi divenuti Agriturismi in Maremma. Il mestiere del buttero è di origine antica; oltre alla sorveglianza dei bovini e dei cavalli, si occupano della doma dei puledri del marchio dei vitelli. Oggi, di questi provetti allevatori ne sono rimasti appena una cinquantina, strenui difensori di una dura ma affascinante tradizione. I cavalli maremmani sono animali robusti, veloci e vigorosi. I loro progenitori furono allevati dagli etruschi e poi incrociati con razze importate dalla Gallia e dalla Germania. I Medici migliorarono la razza con stalloni arabi, mentre in epoca recente sono avvenuti incroci con purosangue inglesi. Oggi, quella del maremmano è una razza equina perfettamente adattata all'ambiente della Maremma. Ha testa allungata e angolosa, arti snelli e robusti, sopporta bene il caldo soffocante dell'estate, il freddo dell'inverno e le punture delle zanzare, e si accontenta di poco foraggio.

Il Mare vicino all'agriturismo in maremma

spiaggia-maremmaLa costa prospicente l'agriturismo in maremma è un litorale splendido e in gran parte intatto, con lunghe spiagge interrotte da superbi promontori rocciosi ammantati di foreste (Piombino, Punta Ala, Uccellina e Argentario). Nella parte più settentrionale della costa maremmana, in corrispondenza della riserva naturale del Tómbolo di Cecina, le dune sabbiose sono ricoperte di ginepri e pini marittimi, lentisco e mirto, e le pinete si estendono all'interno frammiste a frassini, olmi e farnie. Più a sud, dopo Bibbona e il rifugio faunistico di Bolgheri (che si raggiunge percorrendo il viale del famoso "duplice filar" di cipressi immortalato da Carducci), il litorale sabbioso prosegue contornato da maestose pinete fino al golfo di Baratti. Chiuso a sud dal promontorio di Piombino, il golfo ospita all'interno la necropoli etrusca di Populonia. Il promontorio di Piombino, rivestito di folta macchia, ha costa alta e rocciosa, con belle insenature di mare verdissimo, tra cui la spiaggia Lunga (raggiungibile a piedi) e cala Moresca. Oltre Piombino, l'ampio golfo di Follonica distende per 40 chilometri il suo arco di spiagge, dune, pinete e tranquille cale fino a Punta Ala. Qui la costa si fa di nuovo alta e frastagliata, per poi ridistendersi in una fascia dì spiagge, dune e macchia profumata che costeggia anche le immense pinete del Tómbolo e di Castiglione della Pescaia. Il tratto da Principina a Mare a Talamone fa parte del parco della Maremma ed è caratterizzato da spiagge, scogliere e cale incantevoli (la più bella è cala di Forno, raggiungibile a piedi con un lungo e suggestivo sentiero). A sud del porto naturale di Talamone, l'arenile prosegue fino al tombolo della Giannella, il più settentrionale dei tre cordoni di sabbia che uniscono l'Argentarlo alla terraferma. Ansedònia occupa un piccolo promontorio roccioso che ospita i resti dell'antica “Cosa”. Più oltre, si stende l'area palustre del lago di Burano.

Lago di Burano

Oasi protetta del WWF dal 1968, il lago di Burano occupa un'area di 140 ettari. Le sue acque salmastre, separate dal mare da uno stretto tombolo e circondate da vegetazione mediterranea e palustre, costituiscono un ambiente di grande fascino, frequentato, soprattutto in febbraio e novembre, da varie specie di uccelli migratori.

Parco della Maremma

bufalo maremmano

Il paesaggio della Maremma, dopo gli interventi di bonifica che si sono succeduti nei secoli, è caratterizzato da vaste estensioni di campi coltivati, percorsi da una rete di canali e alternati a verdi colline, dove i boschi cedono spazio a vigneti e oliveti. Alla sommità  dei colli sono spesso arroccati antichi borghi di intatta bellezza o vecchi casolari come gli Agriturismi in maremma. Monti, fiume, pascoli, mare, paludi, pinete e colline sono concentrati nei 10000 ettari del parco, tra Principina a Mare e Talamone. L'ambiente è vario e selvaggio e ospita molte specie protette. Le paludi della Trappola, sistema di specchi d'acqua temporanei e permanenti, dolci e salmastri, creati dalle anse del fiume Ombrane, si trovano all'estremo nord del parco. L'intera area è oggi rifugio per molte specie protette. Oltre ai cavalli selvaggi e alle bianche vacche maremmane dalle lunghe corna, non è raro incontrare cinghiali, daini, caprioli, tassi e altri piccoli animali. L'avifauna, stanziale o di passo, è ricchissima: bianconi, falchi pellegrini, germani, ghiandaie, cavalieri d'Italia.

Monti dell’Uccellina

I monti dell'Uccellina sono stati a lungo abitati dall'uomo. Lo testimoniano le grotte con reperti del Paleolitico, la villa di epoca romana presso Talamone, le torri medievali erette a difesa dai saraceni, gli edifici religiosi come l'abbazia di San Rabano. Le pendici orientali sono adibite a pascolo o coltivate, con oliveti e colture intensive.

La Vacanza in Maremma

Vi invitiamo in questo paradiso, il nostro Casale immerso nel verde della maremma vi concederà lunghi momenti di relax in un ambiente naturale ed incontaminato!!

Condividi su...